sabato 24 febbraio 2018

2018 LAVORANDO PER "L'ANNO GIUSTO"

Terminato il 2017, un anno di ricostruzione senza grandi squilli di tromba ma con la sensazione che qualcosa stia cambiando, a partire dalla buona Maratona fatta in Novembre.

Avrei dovuto scrivere un post sulla distanza regina ma è rimasto in archivio, valuto comunque positivamente la gara di Verona in primis per come mi sono avvicinato, poi per la corretta gestione del ritmo (almeno fino al 30. Km quando ho avuto la malsana idea di aumentarlo), e infine per le sensazioni che mi ha lasciato.

Tali sensazioni non mi appartenevano dal lontano 2014 anche se nella famosa maratona di Lucca trovai un ottimo riscontro anche a livello di cronometro, ma non si può avere tutto dalla vita.

Archiviata la Maratona, mi sono dedicato agli allenamenti invernali, che sto ancora completando visto che siamo a Febbraio; ho reinserito il mitico "medio" a metà settimana, distanza che avevo tralasciato negli anni scorsi. Certo, partire alle 18.30 di sera in questa stagione, con il freddo, la nebbia, di certo non permette prestazioni ottimali, ma cerco di mantenere un ritmo se non altro costante. Ho inserito inoltre un allenamento di ripetute 10x400 anche se non lo faccio tutte le settimane.

Altra novità è la partecipazione, con la nuova squadra di Podismo (la Buttarelli) al Criterium, campionato provinciale su terreni misti di Mantova e provincia.

Avevo iniziato tutto sommato bene, con una bella 6 km di campestre corsa su un terreno indurito dal freddo e pertanto simile all'asfalto.

Poi la Campestre a Mantova, dove ho corso bene, ma la suddivisione della gara in quattro categorie mi ha creato confusione e alla fine ho corso nella categoria sbagliata, cosa magari non grave in sè tranne per il fatto che ho atteso ben tre ore dall'iscrizione all'inizio della gara ( di soli 4 KM). In questa occasione ho avuto il piacere, se non altro, di correre nella pista blu del Camposcuola di Mantova adiacente al terreno di gara.

Ultima campestre, per ora, quella di Libiola, ridente località nella bassa provincia mantovana, il terreno molto più fangoso a causa di una pioggia notturna, qualche salita e qualche diversivo mi hanno messo subito in crisi, anche a causa di una forma non ottimale, il risultato è stato deludente.

Mi aspettano altre due campestri a Pomponesco e Roncoferraro, poi inizierà il calendario stradale.

Nel frattempo avrei gradito partecipare alla mezza di Verona, utile per testare la forma anche in specialità più affini, un lutto personale mi ha impedito di partecipare; a livello podistico ne sento la mancanza, purtroppo non ci sono altre mezze fino a fine Marzo (Reggio Emilia), da valutare in quanto è solo a 8 giorni dalla maratonina di Prato.

L'intenzione, ad oggi, è di farla senza tirare troppo in quanto arrivare a Prato senza una minima gara di preparazione sulla stessa distanza mi sembra azzardato. La valutazione la farò tra un mese.

Ho inserito, infine, un piccolo allenamento mattutino di 20/30 minuti su tapis roulant. Spero mi aiuti a perdere qualche Kg, è comunque utile in generale per lo stato di forma.

Tanta carne sul fuoco quindi, nel prossimo post vedremo l'organizzazione annuale del Calendario per ordinare gli obiettivi annuali.

Marco M.


6 ANNI INTERMINABILI....

Tanto è durata l'astinenza da Champions.... ho dovuto cercare su Google l'ultima partita giocata nella Coppa regina, e risaliamo ad ...